www1aa 

In Italia c'e' una vera e propria emergenza alcol per i giovanissimi nonostante la legge impedisca di vendere alcol ai minori si 16 anni. Sono sempre più frequenti le bevute di branco, happy hour con superalcolici, ma anche tanta birra fino allo sballo, concentrati nel week end per un consumo di alcol che inizia fin da piccoli. L'Italia, infatti, detiene un tragico primato in Europa: la media dell'eta' delle prime bevute e' intorno ai 12 anni contro i 14,6 anni della media europea.

 

Gli effetti neurologici causati dall'alcol sono:

Astinenza

Sintomi frequenti al mattino dopo l'astinenza notturna costituiti da tremori, senso di angoscia irritabilità, nausea, vomito, inappetenza. I sintomi regrediscono appena l'alcolista inizia a bere. Con il tempo la sintomatologia peggiora e sopraggiungono anche tachicardia, arrossamento del viso e delle congiuntive, illusioni (disturbi percettivi), allucinazioni uditive e visive (zoopsie, di visione persone, naturali e piacevoli oppure terrificanti).

Convulsioni da astinenza

Sopraggiungono tra le 13 e 24 ore dopo aver smesso di bere e di solito si risolvono spontaneamente.

Delirium  tremens

è un delirio causato dalla deprivazione alcolica. Si manifesta con delirio, agitazione, allucinazioni, convulsioni, tachicardia, febbre, disidratazione, sudorazione profusa, insonnia. La fase acuta dura circa tre giorni e si risolve poi con un lungo sonno profondo.

Degenerazione cerebellare alcolica

è associata ad atassia agli arti inferiori, tremore a riposo ed intenzionale. è caratterizzata dalla degenerazione delle cellule del Purkinje. Questa malattia è diagnosticata attraverso la TAC e la RMN, che permettono di individuare la degenerazione. La terapia consiste nella somministrazione di Tiamina.

Encefalopatia acuta di Wernicke e Sindrome di Korsakoff

L'encefalopatia acuta di Wernicke è dovuta ad una carenza di vitamina tiamina. Si manifesta con un'alterazione dello stato mentale, atassia, ed oftalmoplegia. Il ritardo della terapia può portare a demenza anamnestica cronica permanente (psicosi di Korsakoff).

Neuropatia alcolica

causata da deficit delle vitamine B1 (Tiamina) e B12 (Cobalamin)  (per mancata alimentazione adeguata), e danno tossico assonale che causa neuropatia sensitivo-motoria distale, con ipoestesia, parestesie, deficit sensibilità profonda di tipo tabetico, deambulazione steppante, areflessia osteotendinea; denervazione all'EMG.

Idiosincrasia alcolica

Questa patologia può sfociare in un comportamento aggressivo, spesso associato a fenomeni psicopatici e criminali.

Malattia di Marchiafava e Bignami

è rappresentata da una degenerazione della mielina delle fibre del corpo calloso con relativa conservazione degli assoni. Il corpo calloso appare incavato, rossastro, grigio-giallastro. In questi pazienti, vi era uno stato di demenza, apatia, spesso commettevano atti e reati a sfondo sessuale.

Demenza alcolica e atrofia cerebrale

è la via finale comune di tutti gli alcolisti che non rinunciano all'alcol. Si ha una progressiva perdita dell'integrità della persona.

 

Nella classifica di pericolosità delle droghe

stilata da varie riviste mediche 

l’ALCOL OCCUPA IL POSTO.