eroina 1

Eroina

In particolare l'eroina è narcotico euforizzante che deprime il centro respiratorio nel sistema nervoso centrale. I più importanti effetti collaterali a lungo termine riguardano principalmente l'instaurarsi di una dipendenza fisica e psichica a seguito di un determinato periodo di tempo - che varia da persona a persona - di uso costante della sostanza. Una volta instaurata la dipendenza, il tossicodipendente è "costretto" a continuare ad assumere la sostanza per evitare le fortissime crisi d'astinenza. La crisi di astinenza dura in media 48-72 ore fino ad una settimana,e si presenta 8 ore dopo l'ultima dose. La prima fase della crisi di astinenza si presenta sotto forma di sudori freddi, dolori allo stomaco con diarrea, poi dopo circa 16 ore i sintomi aumentano di intensità e può comparire vomito,cefalee, dolori agli arti, e nei casi dove si usa la sostanza in grande quantità e per lunghi periodi di tempo possono comparire anche allucinazioni. Di solito dopo 48-72 ore i sintomi cominciano ad attenuarsi per scomparire poi gradualmente nel giro di una settimana. La dipendenza psicologica invece è molto più complessa e richiede un supporto di tipo psicologico oltre che farmacologico per consentire la guarigione. Oltre alla dipendenza, il consumo ripetuto e costante di eroina generalmente causa stitichezza, apatia, depressione, perdita della libido

rroba x1

La dose letale è di circa 100 mg endovena nei soggetti non assuefatti; una dose per consumo voluttuario ne contiene da 3 a 10 mg. Nei tossicodipendenti si sviluppa sia tolleranza sia dipendenza, per cui aumentano sia la dose letale che quella necessaria per ottenere l'effetto cercato: molti dipendenti da eroina ne assumono da 2,5 a 3 grammi al giorno in due - tre dosi. A differenza della morfina, quando iniettata in endovena l'eroina provoca un caratteristico flash euforico della durata di circa 30-60 secondi, dovuto al rapido superamento della barriera ematoencefalica e conseguente saturazione dei recettori oppioidi; la rapidità di saturazione dei recettori è anche il motivo per cui i consumatori prediligono la via di somministrazione endovenosa, l'eroina inoltre viene spesso fumata o sniffata.

dal punto di vista comportamentale e psichico il soggetto presenta miosi (pupille a spillo è ansioso, irrequieto, ha scarso appetito il carattere si modifica profondamente, il consumatore abituale diventa apatico,indifferente, privo d’iniziativa interessato principalmente alla droga. I soggetti sotto effetto dell'eroina sentono una sensazione di orgasmo in ogni parte del corpo. Tutti gli impegni, di qualunque genere, finiscono per essere trascurati come anche l’affettività. Vengono colpite anche le funzioni intellettive, la memoria e l’attenzione si indeboliscono, la mancanza del desiderio sessuale e di mestruazioni nelle donne e impotenza negli uomini.

 

Nella classifica di pericolosità delle varie droghe

stilata da varie riviste mediche

EROINA OCCUPA IL POSTO.