foto ecstasi 1

La MDMA più comunemente nota come Ecstasy

è una metanfetamina dagli spiccati effetti eccitanti ed entactogeni, l'ecstasy viene assunta comunemente in cristalli o pastiglie, ma viene anche somministrata sciolta in acqua o in bevande alcoliche (in tal caso, in alcune zone, prende il nome gergale di "beverone" o "morbidone"). Alla bevanda nella quale è disciolta conferisce un sapore lievemente amaro, senza però cambiarne il colore.

Alcune pillole di ecstasy i disegni ed i colori brillanti sono utilizzati appositamente per rendere la sostanza stupefacente più invitante e suscitare meno refrattarietà nel consumatore (soprattutto occasionale).

Provoca stimolazioni del sistema nervoso, euforia, entactogenesi, nistagmo, mascelle digrignanti, diminuzione dell'appetito, aumento della temperatura corporea, talvolta acidità di stomaco, perdita del controllo muscolare, sbalzi di pressione o stress dovuti alla sensazione di euforia.

Possibili effetti indesiderati sono irrequietezza, confusione,iperriflessia, alterazione della coscienza, mioclono,convulsioni , midriasi, piloerezione, secchezza alle fauci, diarrea e nausea. Nei casi più gravi rabdomiolisi con mioglobinuria, coagulazione intravascolare disseminata, ipertermia, insufficienza renale acuta. In soggetti possono presentarsi severe aritmie con ipotensione fino allo shock. Sono documentati alcuni casi di disidratazione dovuti alla non percezione della stanchezza ed al relativo continuo movimento che hanno causato l'ospedalizzazione o il decesso del soggetto, solitamente quando l’ecstasy è assunta insieme ad alcol.

Gli effetti psicologici

Entactogenesi: è una sensazione generale in cui tutto pare giusto e buono per il mondo. Soggetti sotto l’ecstasy descrivono spesso una sensazione di pace e di gioia totale (una felicità che va oltre ogni immaginazione, imparagonabile). Inoltre tutto ciò che generalmente può apparire quotidiano e banale appare come incredibilmente bello e interessante.

Empatogenesi: è una sensazione di sintonia emotiva con l'altro, insieme a una completa rimozione delle barriere relazionali nella comunicazione. Soggetti sotto l’ecstasy riferiscono di una sensazione di maggiore facilità nella comunicazione: qualsiasi chiusura sembra scomparire. Tale effetto è ritenuto parzialmente responsabile della nomea di "droga dell'abbraccio". L'accresciuta vicinanza emotiva all'"altro" rende la relazione interpersonale molto gratificante. Molta gente utilizza l’ecstasy principalmente per questo tipo di effetti, rendendo situazioni sociali potenzialmente difficili e imbarazzanti (appuntamenti, discoteche, ecc.) più brillantemente gestibili.

L'ultrapercettività dei sensi: l’ecstasy può aumentare significativamente l'intensità delle percezioni sensoriali - tatto, propriocezione, vista, gusto e olfatto. È abitudine dei consumatori toccare ripetutamente oggetti dai materiali più disparati, gustare od annusare vari alimenti o bevande.

Studi condotti negli ultimi 15 anni hanno dimostrato che più alta è la dose e più frequente è l'uso di ecstasy, peggiori saranno gli effetti a lungo termine.

 

Nella classifica di pericolosità delle droghe

stilata da varie riviste mediche

L'ECSTASY OCCUPA IL 18° posto.